Author Archives: staff

pronuncia alfabeto inglese

Acquistare prodotti facendo dei veri e propri affari

Imparare l’inglese ormai è entrato a far parte degli obiettivi di molte persone.

Tra le prime lezioni proposte dai professori dei corsi, c’è quello di imparare l’alfabeto e la sua pronuncia.

Che siano bambini o adulti, i metodi per imparare la pronuncia dell’alfabeto inglese non cambiano.

 

Come è composto l’alfabeto inglese

L’alfabeto inglese ha 26 lettere in quanto ha, rispetto a quello italiano, 2 semi vocali ,ossia, W e Y, che svolgono una doppia funzione, cioè sono vocali e consonanti.

Le lettere inglesi si scrivono come quelle in italiano ma non si leggono alla stessa maniera.

Ognuna di esse ha una pronuncia che richiede molto studio e allenamento per arrivare alla perfezione.

Ecco perché nell’inglese è fondamentale fare lo spelling ossia dividere una parola a lettere.

 

Affidarsi solo a professori competenti

Per imparare bene l’alfabeto inglese e la sua pronuncia ci sono vari metodi di cui alcuni fai da te.

Affidarsi ad un buon professore, magari lingua madre, che aiuti nella pronuncia corretta e che corregga ogni qual volta si sbagli.

Con la pronuncia perfetta dell’alfabeto inglese si può dare il via al seguito delle altre lezioni.

 

I metodi fai da te testati

Come già accennato sopra, imparare la pronuncia dell’alfabeto inglese potrebbe diventare anche una questione personale e farlo con metodi fai da te.

In giro per il web ci sono molti video che spiegano perfettamente come pronunciare l’alfabeto inglese.

Cominciare a seguire uno di questi video, magari scegliere quello con più visualizzazioni e opinioni positive.

Seguire con costanza questi video significherà avere una pronuncia dell’alfabeto perfetta.

 

Chiedere aiuto allo specchio e alle app

Per migliorare la pronuncia dell’alfabeto inglese, qualsiasi sia il metodo adottato si può può ancora fare di più e cioè mettersi davanti allo specchio e guardarsi mentre si pronunciano ad una volta e con lentezza tutte le lettere.

Oppure, si può scaricare una delle app che si trovano e, ascoltare ripetutamente la pronuncia.

Pare che se ascoltata con cuffiette, i risultati saranno più soddisfacenti.

 

Trascrivere l’alfabeto su un foglietto con rispettiva pronuncia

alfabeto inglese con pronunciaE infine, per concludere la lista dei consigli su come imparare la pronuncia dell’alfabeto inglese, lo si può trascrivere su un foglio e accanto ad ogni lettera evidenziare la propria pronuncia.

Un foglietto da tenere sempre con sè e da rileggere ogni qual volta si ha voglia.

Per arricchire questo esercizio, si può provare a pronunciare ogni singola lettera e scrivere la sua pronuncia corretta.

Un esercizio semplice e forse un po’ banale, ma l’efficacia la si riscontrerà nel tempo, quando l’alfabeto inglese e la sua pronuncia non sarà più un problema.

 

Giocare con la pronuncia dell’alfabeto inglese

Tutti i consigli sono stati dati, l’unica cosa che rimane e che si possono coinvolgere parenti ed amici a eseguire lo spelling delle parole inglesi.

E’ un gioco che potrebbe rivelarsi interessante e fruttuoso perché si potrà notare la differenza di pronuncia degli altri e magari, correggere anche chi sbaglia.

In questa maniera si potranno imparare tanti piccoli accorgimenti che sicuramente non sarebbero mai saltati fuori facendo allenamento da soli.

aste facili affidabili e dicure

Aste al centesimo opinioni dei consumatori

Le aste al centesimo sono una particolare tipologia di asta digitale grazie alle quali è possibile, se si è a conoscenza di come procedere, acquistare moltissimi prodotti di differenti categorie a prezzi notevolmente inferiori rispetto ai costi dei negozi fisici.

Questa tipologia di format tuttavia non garantisce a chi partecipa all’asta di vincere il prodotto desiderato ed è necessario spendere un’ingente quantità di tempo per tentate anche solo di assicurarsi qualche probabilità.

Ma come funziona realmente un’asta al centesimo e cosa pensano i consumatori e gli utenti che già hanno sperimentato questo tipo di compravendita?

 

Aste al centesimo: cosa sono e come funzionano

Le aste al centesimo sfruttano un sistema particolare, differente dalle più tradizionali aste a cui in genere siamo abituati.

Il sistema di queste piattaforme è caratterizzato dalla possibilità di effettuare puntate esclusivamente del valore di un centesimo.

L’utente o il compratore per giocare ha la possibilità di acquistare differenti pacchetti da numero tot di puntate a prezzi variabili, partendo da 0,50€ sino ad arrivare a qualche euro.

Ogni qual volta vi è una puntata il tempo dell’asta viene prolungato ed il tutto termina soltanto quando dopo un po’ di tempo non ci sono stati rilanci di alcun tipo.

In questo modo moltissimi utenti hanno avuto la possibilità di acquistare prodotti come smartphone, laptop, tablet e persino automobili ed arredamento a prezzi davvero stracciati.

Tuttavia è bene ricordare che in genere questi siti non rimborsano i soldi spesi neanche quando si tratta di puntate acquistate e mai realmente utilizzate.

Così facendo il guadagno per questo tipo di piattaforme diviene davvero notevole, ma cosa pensano i consumatori che hanno già sperimentato questa tipologia di sistema?

 

Opinioni e recensioni dei consumatori

Le opinioni in merito ai vantaggi effettivi di questa tipologia di asta sono diverse, moltissime variano anche a seconda dell’esperienza e delle familiarità dell’utente stesso con queste particolari piattaforme.

In generale possiamo affermare che sì, è possibile riuscire ad acquistare prodotti facendo dei veri e propri affari pagandoli a prezzi a dir poco stracciati.

Malgrado ciò è bene ricordare che anche in questo campo non si è totalmente esenti da potenziali truffe, anzi.

Benchè le prospettive siano allettanti sono davvero moltissimi gli utenti che sfruttano questi sistemi e ciò limita notevolmente le effettive probabilità di vincita.

D’altra parte c’è anche chi, acquistando tramite aste al centesimo, ha riportato esperienze di truffa subite da parte di altri utenti i quali prima della fine dell’asta aspettavano appositamente per rilanciare un tot numero di puntate mettendo in difficoltà tantissimi compratori.

In conclusione possiamo dunque affermare che le aste al centesimo sono un sistema interessante, caratterizzato da potenzialità di risparmio e guadagno notevoli se sapientemente gestite ma che tuttavia non garantisce alcuna possibilità di vincita.

Prima di addentrarvi in questo tipo di attività vi invitiamo ad informarvi al meglio e, soprattutto, a ricercare feedback ed esperienze di persone che già hanno sperimentato le aste al centesimo per comprenderne appieno il meccanismo e le possibilità.

mobile bagno classico prezzi

Mobili da bagno in stile classico

Lo stile classico è sempre stato caratterizzato da lusso, eleganza, bellezza e originalità.

Nel mondo del design interno compaiono nuove tendenze e stili, ma lo stile classico non passa mai in secondo piano.

I materiali di finitura diventano sempre più perfetti, le nuove tecnologie consentono di incarnare le idee più audaci.

Il bagno in stile classico è maestoso, ma allo stesso tempo anche pratico.

I mobili in tale stanza saranno posizionati in modo che il suo utilizzo sia confortevole, ma l’interno deve essere progettato in uno stile rigoroso.

Decorando il bagno in stile classico, è necessario assumere un atteggiamento responsabile verso la scelta dei materiali per la decorazione, come i sanitari, gli elementi di arredo e l’arredamento generale.

Il bagno classico dovrebbe essere neutro nei colori.

I progettisti ritengono che l’ubicazione dei sanitari, in primo luogo, dovrebbe essere ergonomica e avere delle forme semplici.

A tal proposito, ecco 5 consigli per arredare bagno classico.

I mobili stile classico

Quando si scelgono i mobili del bagno, è necessario prestare attenzione alla loro forma e alle gambe.

Per la decorazione degli interni in stile classico, i mobili più adatti sono quelli con le gambe intagliate o curve.

Queste ultime possono essere in bronzo o in rame, che conferiscono un elegante contrasto con il resto degli elementi.

Se il bagno è di piccole dimensioni, è meglio posizionare i mobili vicino alla parete, mentre in una stanza con una grande area è possibile utilizzare anche posizionare i mobili in zona centrale.

La vasca al posto della doccia

La doccia non occupa molto spazio, quindi è spesso installata in un bagno piccolo.

Il box doccia con pareti in vetro appare armonioso ma non è consigliato in un bagno in stile classico.

Quando si sceglie un box doccia, è necessario prestare attenzione alla sua combinazione con i materiali di finitura.

Tuttavia, alla cabina doccia è possibile affiancare anche la vasca se la grandezza del bagno lo consente.

I materiali naturali di un bagno classico

Per quanto riguarda i materiali, è meglio scegliere quelli naturali: legno, pietra, etc.

Il legno e la pietra esprimono la forza e la solidità degli oggetti interni, che è importante per il design classico.

Ad ogni modo, a prescindere dai materiali, gli interni in stile classico sono semplici ma allo stesso tempo appaiono anche lussuosi.

Come materiali di finitura si possono usare la carta da parati, la vernice, l’intonaco decorativo e le piastrelle.

 

I colori per eccellenza dei mobili bagno classici

Il colore bianco è molto importante per l’interior design quando si arreda in stile classico.

Può essere bianco classico, latteo o alpino, ma in ogni caso il colore bianco espande lo spazio e gli orizzonti della percezione.

Le sfumature sabbiose renderanno il bagno più accogliente e confortevole.

Al bianco può essere abbinato il color pesca, il dorato o il legno chiaro.

Il grigio invece rende l’atmosfera austera e allo stesso tempo misteriosa.

Questo colore è meglio combinarlo con il beige.

Lo stile classico prevede comunque l’uso di colori neutri, ma coloro che amano gli interni luminosi, possono scegliere un colore brillante per creare un contrasto armonioso.

offerte camere da letto roma

5 modi per arredare la camera da letto

La scelta della camera da letto ha senza dubbio una grande importanza.

Prima di tutto perché essa rappresenta quasi un riflesso della personalità di chi la vive essendo destinata al relax e al riposo.

I mobili e gli oggetti presenti nelle stanze da letto variano molto in base ai gusti, alle diverse tradizioni locali, così come allo stato socioeconomico, ma quello che più interessa è la tipologia di arredo, che va da quelle più tradizionali alle moderne.

Le camere da letto moderne infatti possono differenziarsi per quanto riguarda l’arredamento, così come per la tipologia di pavimento, le pareti, gli accessori.

La scelta di ogni particolare deve essere ben ponderata, in quanto come vedremo tutto dipende dal tipo di carattere che si vuole dare alla stanza.

 

Luminosa

 

Quando si pensa ad una camera da letto moderna di certo si ha in mente anche una certa luce.

Si può quindi optare per una scelta più luminosa, nella quale la fanno da padrone i riflessi e delle soluzioni particolari, magari integrate all’interno degli stessi arredi.

È possibile infatti sfruttare faretti, lampade particolari e, perché no, le finestre a disposizione, per far brillare ancora di più i colori scelti per l’arredamento.

La luce è infatti molto importante, in quanto per il relax o per la lettura è necessaria un’illuminazione differente, ed in questo caso gioca un ruolo fondamentale l’ideazione di sistemi di luce diversi all’interno nella stessa stanza, adatti a qualsiasi tipo di necessità.

 

Creativa

 

Una camera da letto moderna potrebbe puntare alla creatività, utilizzando accessori particolari, che puntano a stupire.

Ultimamente vanno molto di moda mobili con giochi di colore o con maniglie e supporti di natura estremamente eclettica.

Si può anche utilizzare una tipologia di letto apparentemente sprovvista di basamenti, così da dare l’idea di essere sospesi in aria, e magari utilizzare creatività con le pareti, usando tinte particolari o di colori ricercati.

 

Monocromatica

 

Attualmente sono sempre più richieste delle camere da letto moderne che siano focalizzate su una singola gradazione di colore, puntando ad esempio a toni prettamente scuri o chiari.

Si trovano spesso infatti esempi di camere che puntano su tutti i toni del beige, crema, colori che tendono ad essere più calorosi; altri preferiscono colori scuri, come mobili laccati in nero o grigio scuro, giocando con la luce per rendere tutto più “chic”.

 

Minimalista

 

Un altro modo di arredare e sviluppare la propria camera da letto moderna è quella di basarsi sul minimalismo, scegliendo quindi pochi arredi ma ben ricercati.

Va molto di moda utilizzare mobili senza maniglie che siano il più possibile lineari.

Tutto ciò rende la stanza da letto molto ordinata, moderna e curata, anche se potrebbe mancare di quel calore di una camera di tipo creativo.

 

Camera con living

Un ulteriore modo per arredare la propria camera da letto è quella di creare anche un angolo living. Come fare?

Basta avere una stanza abbastanza ampia, magari con un’ottima illuminazione esterna, e creare un ambiente intimo con una poltrona o addirittura un divano di fronte o nelle vicinanze del letto.

Questo creerà un ambiente ancora più caldo, dove magari prima di dormire ci si può rilassare sedendosi a leggere un buon libro.

ballo liscio

Lezioni di ballo liscio

Raro incontrare chi non ami cimentarsi con il ballo che da noi è sempre stato considerato un momento di irrinunciabile divertimento. Dalle balere ai dancing del tempo che fu, il ballo è un modo per relazionarsi sfogando il proprio desiderio di muoversi seguendo il ritmo della musica e questo ha originato quelle feste popolari paesane che, spesso, erano l’unica occasione per divertirsi in compagnia.

L’Italia balla il liscio

Se l’Italia ha dovuto attendere la fine della Seconda Guerra Mondiale per conoscere nuovi balli provenienti da Oltreoceano, la tradizione – valida tutt’ora- ha visto nel ballo liscio, quello più diffuso in ambito nazionale.
Ma com’è nato il ballo liscio e perché questo nome?
Iniziamo proprio dal nome che si deve ai particolari movimenti dei ballerini che sfruttano lo scivolare dei piedi e lo strusciare come, andando via di liscio.
Questo tipo di danza include il Valzer, la Mazurka e la Polka che furono in qualche modo modificate a fine Ottocento grazie alla intuizione del violinista Carlo Brighi che inaugura nella Riviera Romagnola, la prima balera.
Fu però alla fine degli anni Venti del secolo scorso che il musicista Secondo Casadei ha l’idea di mettere in piedi una orchestra con la quale spargerà il ‘verbo’ del liscio, mettendo in musica oltre mille brani di polke, valzer e mazurke e facendo esplodere un vero e proprio movimento di divertimento legato al liscio.Il liscio tuttavia si aggiorna con inserimenti di figure prelevate da altri tipi di ballo e questa ‘creatività’ lo rende ancor più popolare in tutta Italia.

Le prese del liscio

Per apprendere le movenze di questa danza, la www.scuoladiballosampaoli.com è il giusto indirizzo al quale rivolgersi. Coloro che si vogliono avvicinare a questo mondo o per chi desidera migliorare la propria tecnica, le lezioni di ballo liscio sono da considerarsi come indispensabile mezzo per giungere all’obiettivo.
La Federazione Italiana di Danza Sportiva ha predisposto un disciplinare che determina questo ballo come danza di coppia come liscio unificato seppure suddividendolo in varie sottocategorie.
Tutto dipende dalle prese (la presa del cavaliere, la presa della dama), dal tempo della musica nel liscio: ossia dal ritmo dettato dai battiti (ogni battito equivale ad un passo) e dalle movenze in generale.
Indubbiamente l’affinità di coppia appare fondamentale soprattutto se ci si vuole dedicare alla danza sportiva ma, per divertirsi in compagnia, è sufficiente andare a tempo con la musica e conoscere le principali mosse da fare per non sfigurare.Per imparare a ballare è necessario avere la passione e dedicare il tempo che necessita ad apprendere questa disciplina prendendo delle lezioni di ballo liscio impartite da veri professionisti come quelli che operano all’interno della scuola di ballo Sampaoli.

cesti particolari

Sei alla ricerca di un regalo particolare per Natale?

Natale si avvicina e comincia la ricerca del regalo perfetto. Se vuoi regalare qualcosa di veramente unico e non banale, la soluzione che stavi cercando è un esclusivo cesto natalizio Riserva d’Italia.

Nei nostri cesti infatti ci sono prodotti di nicchia selezionati fra le migliori eccellenze italiane, per portare sulla tua tavola e su quella delle persone che ami i sapori autentici di una volta.

Partire per un viaggio alla scoperta del cuore pulsante dell’Italia è molto più semplice del previsto: basta un assaggio di uno dei nostri prodotti per cominciare a viaggiare con il pensiero e con il palato.

Cesti natalizi: scopriamo di quali prodotti si tratta

 

Dai Tajarin all’olio extra-vergine della Riviera ligure all’aceto balsamico di Modena alla pasta di Gragnano: con i nostri originali cesti natalizi potrete fare un vero e proprio viaggio fra i sapori e i profumi dell’Italia più autentica.

Alta qualità e passione per il cibo, quello buono e prodotto rispettando la natura e le persone, sono alla base di ogni nostro cesto. Andiamo alla ricerca delle eccellenze tutto l’anno per regalarvi prodotti particolari e selezionati con cura.

 

Una coccola esclusiva per tutta la famiglia

Dal cuore delle Langhe, patria del buon cibo e di vini di altissima qualità, non poteva che nascere un’idea attenta alla tradizione gastronomica più autentica e sconosciuta. Sapori e saperi antichi si fondono insieme per regalare a tutta la famiglia un meraviglioso viaggio nel gusto che profuma di condivisione.

Regalando i particolari cesti natalizi Riserva d’Italia non si regala solo del cibo, ma qualcosa di molto speciale: una vera e propria esperienza sensoriale, pensata apposta per voi con tanta cura e passione, da condividere con le persone a cui si vuole bene.

Perché le cose più belle e più buone sono quelle condivise e non c’è nulla di meglio che festeggiare il Natale in compagnia dei propri cari e di tanto buon cibo.

presidente-del-consiglio-regionale-del-piemonte

Mauro Laus: tra vacanze inaspettate e balli per le elezioni

La vita del Presidente del Consiglio Regionale del Piemonte, ovvero Mauro Laus, è stata leggermente ricca di sorprese, soprattutto per coloro che seguono i suoi profili social e che cercano delle notizie che riguardano il suo operato.

Stop forzato per Laus e Consiglio Regionale

PresidenteUno stop di tre settimane e poi di nuovo a lavoro, a partire dal sei maggio: è questa la notizia che riguarda il Presidente del Consiglio Regionale del Piemonte Mauro Laus, che si è trovato costretto a dover prendere e approvare tre settimane di ferie per se stesso e per i componenti del consiglio regionale del Piemonte.
Ferie motivate da due situazioni: la prima di esse consiste nel fatto che, in vista delle prossime elezioni per eleggere sindaci ed altre figure professionali, il Presidente del Consiglio Piemontese ha ben pensato di interrompere, seppur momentaneamente, l’attività politica del Consiglio stesso.
Secondariamente, le ferie hanno trovato una motivazione pratica, che consiste semplicemente nel fatto che, il Consiglio, si è ritrovato senza diverse tipologia di provvedimenti da approvare e di conseguenza, anche per dare un taglio ai vari costi di lavorazione, le settimane di ferie sono passate dall’essere inizialmente due fino a raggiungere il numero di tre.
Solo dal sei maggio il Consiglio tornerà ad essere operativo in diversi campi, seppur Laus ha spiegato che, le ferie, potranno essere interrotte immediatamente nel caso in cui bisogna effettuare delle lavorazioni urgenti che necessitano della massima priorità.

Mauro Laus si dedica alla danza

Essendo in ferie, il Presidente del Consiglio Regionale del Piemonte, oltre a prendere parte ad una vastissima gamma di eventi importanti, quali incontri a diverse tipologie di manifestazioni di interesse generale, ha deciso di farsi immortalare mentre sveste i panni del Presidente e veste quelli di Mauro Laus cittadino che ama divertirsi.
Egli, infatti, è stato immortalato mentre danza, in un noto locale, assieme ad amici, colleghi e parenti, concedendosi quindi un momento di svago che ha permesso di conoscere questo lato assai interessante della personalità dello stesso Laus.
Un Presidente che cerca quindi di essere umano e soprattutto di potersi divertire con delle azioni semplici, ricaricando le sue batterie per poter tornare al lavoro con un livello energetico veramente incredibile ed assolutamente elevato.
Il video di Laus, realizzato nella seconda metà del mese di maggio, è divenuto uno dei più visti e condivisi nella rete internet, cosa che probabilmente nemmeno lo stesso Laus pensava potesse accadere.
E molti altri politici hanno deciso di seguire il suo esempio, per potersi far conoscere meglio e poter essere apprezzati, come accade appunto a Laus stesso, che riesce ad ottenere un grande successo con la popolazione piemontese.
Igor Il prontoculista

Refertazione oculistica telematica per ogni esigenza con IGOR

Controllare periodicamente la salute dei propri occhi è indispensabile per salvaguardarne il benessere e intervenire in maniera precoce in caso di calo della vista o insorgenza di patologie. La visita oculistica è spesso necessaria anche per motivi burocratici e amministrativi, come il rilascio di certificazioni e documenti per l’autorizzazione alla guida di autoveicoli o al lavoro in determinati ambiti professionali. Per ottenere una refertazione oculistica accurata e professionale in tempi rapidissimi senza dover prendere appuntamento, è possibile rivolgersi all’alternativa di telemedicina offerta da IGOR Point. Leader nella diagnostica oculistica telematica, ogni IGOR Point offe le più sofisticate tecnologie e pratiche analitiche, per poi ricevere i risultati direttamente a casa propria su computer o cellulare in tempi brevissimi.

Refertazione oculistica professionale e veloce presso gli IGOR Point

Igor Il ProntoculistaPer eseguire un esame della vista con il servizio IGOR Prontoculista non servono più lunghi tempi di attesa e prenotazioni, basta cercare il centro convenzionato più vicino sul sito web ufficiale e recarcisi per una scansione e registrazione dei propri occhi. Dopo aver effettuato l’analisi e i test presso una delle tante sedi IGOR stanziate presso ospedali, case di cura, ambulatori medici e studi optometrici, i risultati registrati vengono caricati nel server della società e valutati a distanza da un medico oculista specializzato entro 72 ore dalla visita. Una volta che la valutazione dello specialista è pronta, il referto oculistico sarà disponibile direttamente sul proprio computer, cellulare o tablet da visionare e scaricare tramite l’account di iscrizione al portale web. In questo modo, i tempi di diagnosi e verifica sono ridotti al minimo, così da poter intervenire tempestivamente nel caso si necessiti una correzione oculare con lenti graduate, nell’eventualità che si riscontri una patologia che richiede provvedimenti urgenti, o quando si ha bisogno di certificazioni e autorizzazioni veloci per poter sbrigare pratiche burocratiche.

I vantaggi della refertazione oculistica IGOR Point

Grazie alla soluzione di telemedicina sviluppata da IGOR Point, ogni paziente può godere di grandi benefici rispetto agli studi oculistici tradizionali. Non solo una maggiore velocità con la stessa professionalità ed esperienza, ma anche la praticità di avere i risultati disponibili su ogni dispositivo iOS, Android, Windows e Linux. Tutte le analisi rimangono salvate sul proprio account nel tempo, permettendo di creare un archivio storico online di tutti i referti medici, visualizzabili in qualsiasi momento, in qualsiasi luogo, senza l’ingombro della documentazione cartacea. E nonostante le strumentazioni tecnologiche all’avanguardia, il tutto è disponibile a prezzi vantaggiosi, grazie al risparmio permesso dall’approccio telematico.

disfunzione erettile

Rimedi impotenza

Come superare l’impotenza con semplici rimedi

L’impotenza è una delle disfunzioni più comuni, oltre tre milioni di italiani di tutte le fasce d’età ne soffrono o ne hanno sofferto. Per un fenomeno così diffuso, non mancano le soluzioni e i rimedi all’impotenza, senza incorrere in preoccupazioni. È importante non preoccuparsi più del dovuto, perché è proprio questa preoccupazione a scatenare il fenomeno. Vediamo quali sono i rimedi reali.

Farmaci e integratori naturali

disfunzione erettileLa risposta più comune sono i farmaci, ma vanno assunti con le opportune precauzioni. Ormai Viagra, Cialis e Levitra sono conosciuti da chiunque, ma non vanno abusati perché, per quanto siano il rimedio più veloce ed efficace all’impotenza, possono avere effetti collaterali spiacevoli come nausea ed emicrania, e possono interferire in maniera dannosa con altri farmaci e patologie. È opportuno quindi consultare il medico prima dell’assunzione, e non eccedere nell’uso. I farmaci come il Viagra sono un rimedio sicuro perché fluidificano il sangue e permettono un maggiore afflusso al pene che garantisce l’erezione, ma non sono una soluzione a lungo termine, perché vanno assunti ogni volta che si vuole ottenere l’erezione. Alternative naturali arrivano dal mondo degli integratori e dell’omeopatia. Grazie all’uso di vitamine, zinco, arginina e ossido nitrico, oppure degli estratti di erbe e radici come ginseng e maca, è possibile assumere nutrienti che facilitano l’erezione.

Accessori e rimedi meccanici

Alternativamente alle soluzioni farmacologiche, esistono degli accessori e dispositivi applicabili sul pene che gli permettono di raggiungere e mantenere l’erezione più facilmente. Gli strumenti più conosciuti e diffusi sono gli anelli fallici da indossare alla base del pene, reperibili in molti negozi di accessori sessuali. Questi sono realizzati in vari materiali diversi, dalla gomma al metallo, e aumentando la pressione sul pene rendono l’erezione più facile e duratura. Altro accessorio meccanico efficace per l’erezione è la pompa sottovuoto, costituita da un cilindro da applicare sopra il pene, che è collegato ad una pompa da premere per aumentare l’aspirazione. Le pompe sottovuoto permettono di aumentare la vasodilatazione dei capillari del pene, provocando un’immediata erezione della durata di almeno un’ora.

Rimedi mentali e psicologici

Il metodo più efficace a lungo termine è quello di approfondire il motivo mentale che non permette di raggiungere l’erezione. La soluzione migliore è affrontare le proprie ansie e insicurezze, imparare a conoscere il proprio corpo e sperimentare da soli per accrescere la propria fiducia e autostima, informarsi sulle tematiche sessuali per sfatare miti e paure che possono creare stress da prestazione. È consigliabile affrontare il problema insieme al proprio partner e discuterne con il medico di base, magari anche cercando l’aiuto di uno psicologo o di un sessuologo per imparare a vivere la propria sessualità in maniera più serena.

grani di lunga vita

Estratti vegetali ad azione lassativa

Risolvere il problema della stipsi con gli integratori naturali

La stitichezza cronica affligge milioni di persone: il rallentamento del transito intestinale delle feci può essere causato da un’alimentazione sbagliata, dallo stress quotidiano o semplicemente da una predisposizione personale, ma non è detto che ci si debba convivere senza fare nulla.

Esistono numerosi rimedi naturali alla stitichezza, non farmacologico, per risolvere la fastidiosa stipsi e riprendere la propria regolarità. Gli estratti vegetali contenuti in questi integratori hanno una forte azione lassativa e permettono la ripresa fisiologica del transito intestinale: sono tutti approvati da Ministero della Salute e non presentano controindicazioni specifiche.

Grani di Lungavita Fiuggi e Flor

grani di lunga vitaI grani di Lungavita Fiuggi sono regolatori della funzione intestinale e aumentano la diuresi, eliminando l’acqua in eccesso dai tessuti e riducendo ritenzione e pressione.

Ha effetti purificanti, drenanti e diuretici ed è molto efficace contro la stipsi: i grani contengono estratti di aloe, senna, chiodi di garofano, rabarbaro cinese, cannella e verbena con azione antisettica, spasmolitica, tonica, digestiva e purgante. Se ne consiglia l’assunzione di al massimo 4 grani prima del pasto serale, con dell’acqua.

I Grani di Lungavita Flor in tavolette, oltre all’azione lassativa, hanno l’effetto di riequilibrare la flora intestinale residente: contiene numerose fibre prebiotiche che aiutano l’instaurarsi di una flora batterica numerosa e benefica, che può essere disregolata da una dieta sbagliata o dall’assunzione di farmaci. Oltre alle fibre, i Grani di Lungavita Flor contengono estratti di senna, rabarbaro, aloe, cannella e verbena: se ne devono assumere 1-2 tavolette ogni sera, con un bicchiere di acqua.

Grani Benedettini per regolarizzare intestino e metabolismo epatico

Gli organi del nostro corpo non lavorano mai a compartimenti stagni, ma agiscono in sinergia lavorando per il benessere e il fisiologico metabolismo.

Per questo motivo è importante prendersi cura non solo dell’intestino, ma anche del fegato, la cui funzione detossificante contribuisce alla salute generale: i grani benedettini contengono un estratto di principi attivi naturali vegetali, che agiscono aumentando la velocità del transito intestinale, regolando il metabolismo energetico e lipidico, favorendo la diuresi e quindi l’eliminazione di scorie, tossine e metaboliti non attivi.

I grani benedettini contengono estratti di curcuma, combreto, tarassaco, carciofo, zenzero e cardo sotto forma di compresse, da assumere 2 al mattino e 2 alla sera, prima dei pasti; sono indicati soprattutto in presenza di patologie epatiche, biliari e renali, in quanto riducono la sintomatologia dolorosa e correggono il metabolismo ai valori normali.

Trovi tutti questi prodotto online nell’eCommerce di NaturPlus